Siria, Raqqa sta per essere 'liberata' Foreign fighter lasciano l'ex roccaforte dell'Isis

16 Octobre, 2017, 12:20 | Auteur: Lynn Cook
  • Siria, Raqqa sta per essere 'liberata' Foreign fighter lasciano l'ex roccaforte dell'Isis

Ore decisive, questa domenica 15 ottobre, per il tracollo di Raqqa, la roccaforte siriana dello Stato islamico. Secondo Talal Sello, portavoce delle cosiddette Forze democratiche siriane (Sdf), sarebbero 250-300 i miliziani asserragliati nel bastione del Califfato. Tuttavia, un membro del Consiglio Civile di Raqqa ha affermato che alcuni stranieri dell'Is avrebbero lasciato la città insieme ai combattenti siriani. Le forze a maggioranza curda, alleate degli Stati Uniti, hanno detto di avere lanciato oggi "l'assalto finale" agli ultimi quartieri della città, dopo che centinaia di jihadisti hanno accettato di essere evacuati, iniseme alle loro famiglie, in base ad un accordo raggiunto fra i capi tribali in Siria e l'isis intesa siglata solo dopo che le Forze democratiche siriane (Fsd), ovvero le milizie sostenute dagli Usa, hanno acconsentito alla proposta.

Una città quasi interamente distrutta e svuotata della sua popolazione, dove ancora resiste disperatamente un pugno di jihadisti, molti dei quali 'foreign fighters', con al seguito i loro familiari. Ma la battaglia di Raqqa ha avuto un costo molto pesante per la popolazione: gran parte della città è stata ridotta in macerie dagli intensi attacchi aerei della coalizione e da mesi di combattimenti strada per strada. Ma l'Isis sta subendo sconfitte in Siria anche ad opera dei qaedisti, secondo quanto sottolinea l'Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus), che da giorni riferisce di scontri tra le due fazioni di jihadisti nella provincia centrale di Hama. All'evacuazione dei foreign fighters si opponevano in particolare i servizi segreti francesi, convinti che in città si nascondessero anche le menti degli attentati di Parigi. La stima degli stranieri andati a combattere sotto le insegne dell'Isis in Siria e Iraq si aggira intorno a 25-30mila persone, di cui cinquemila europei.

Recommande: